Pelle a selfie

I selfie fanno male alla pelle. La mania dei selfie potrebbe causare importanti danni . La questione è semplice: i raggi blu HEV, (High Energy Visible) sprigionati dagli schermi dei dispositivi elettronici possono rovinare la pelle del nostro viso, finendo per diventare più pericolosi dei raggi UV. A gettare nel panico milioni di amanti del selfie è stata Mehreen Baig, 26enne di Londra, lifestyle . Con il piacere di riscoprire i dettagli del nostro viso, però, è arrivata anche la preoccupazione per le imperfezioni. Le fotocamere di ultima generazione ad alta risoluzione mettono più in risalto i problemi tipici della .

Imperfezioni del viso, e chi non le ha? Dai pori dilatati ai terribili punti neri, dai rossori alle macchie da sole, la verità è che sono rari i casi di pelle perfettamente uniforme (e anche le giovanissime ne sanno qualcosa). Un selfie diventato virale si trasforma in campagna per la prevenzione del cancro alla pelle. Una ricerca scientifica eseguita da un dermatologo londinese ha evidenziato che scattarsi un selfie fa più male alla pelle dei raggi Uv prodotti dal sole. Arrivava a scattarsi selfie al giorno.

Poi ha scoperto che non è tutto rose e filtri (di instagram) ma ci sono anche effetti collaterali. CLIP: Questione di pelle. Ci sono poche certezze, una di queste è che la pelle di Kim Kardashian luccica sempre in foto.

Sua Signora dei Selfie ha rivelato il segreto beauty.

By Redazione Cosmopolitan. Il dermatologo consiglia alle selfie addicted di . Gli uomini e la routine di bellezza: passi per una pelle da selfie (e zero irritazioni). Come difendersi e proteggersi? Roll-on contro le occhiaie, creme specifiche per chi ha tatuaggi e due diversi profumi.

I consigli al maschile per prendersi cura di viso e corpo . Ai nostri medici chiedi informazioni gratis. Mehreen Baig, blogger 26enne di Londra, si scattava fino a selfie al giorno per postarli sul suo blog e su Instagram. La sua foto, nella cui didascalia dice Se qualcuno avesse bisogno di un pò di motivazione . Se vuoi essere davvero bellissima in foto però devi creare un make up ad hoc e prenderti cura della tua pelle , in modo da avere un incarnato omogeneo e luminoso. Il suo nome è Mehreen Baig, di professione fa la blogger e per questo era arrivata a farsi selfie al giorno.

Fino a quando non ha notato che la sua pelle stava cambiando: sul viso sono comparsi sfoghi mai visti prima, lentiggini e pori molto grandi. SENFT traduzione di Sara Baranzoni. And death is when someone keeps calling you and calling you and you no longer turn around to see who it is.

Yehuda Amichai, “I Lost My I. Questo è un saggio su potere e facce. Specificamente, sulle facce che manifestano in quella pratica . Un buffo scherzo del destino: il fenomeno più narcisista della nostra epoca, ovvero la mania dei selfie , potrebbe causare danni estetici. Invecchiamento precoce della pelle per la precisione.

Può essere: a furia di mettersi in mostra si finisce per rovinarsi. Camminando con calma, si va a posizionaredi fronte allaragazza dalla pelle bianca. This is an essay about power and faces. Specifically, it about the faces that manifest in the global self-imaging practice referred to as “ selfie culture.

More specifically still, it is about. Si deve partire dalla base, neutra come la tela di un pittore. Nuance, texture e performance hanno un solo obiettivo: regalare una bellezza autentica e trasparente.

Cristina Milanesi e Martina Villa. I nuovi fondotinta: per pelle a prova di selfie. Still life Massimiliano De .